Cerca nel blog

lunedì 31 ottobre 2016

pasta al forno allo speck e pomodorini


bollire la pasta , preparare un po' di besciamella , preparare un po' di sugo con i pomodorini dolci ,prima sbollentati poi pelati e infine un soffritto di cipolla con olio di oliva , aggiungere i pomodorini pelati , salare , lasciare cuocere fino a che formano un sugo cremoso ( circa 15 minuti) , aggiungere qualche foglia di basilico .
prendere una teglia  mettere la pasta , mescolarla con il sugo , distribuire a pezzetti le fette di speck versare sopra la besciamella , cospargere con un po' di parmigiano e mettere a gratinare 10 minuti in forno ... servire ...
semplice e abbastanza veloce ...
altre paste al forno  e lasagne ...

domenica 30 ottobre 2016

pão de queijo



questi li ho farciti con speck e philadelphia e salsa verde piemontese 

Questa è la ricetta fatta oggi da me .

Ingredienti:

300 gr di farina tra Manitoba e "00 "
1 cucchiaio d'olio d'oliva +q.b. per spennellare
poco più di mezza bustina di lievito di birra secco paneangeli)
1 cucchiaino di sale fino
1 cucchiaino di zucchero semolato
1  uovo
200 ml di latte
150 g  di pecorino stagionato grattugiato

Preparazione
Miscelate insieme le farine con il lievito il sale e lo zucchero in una ciotola, aggiungete l'uovo ,  il latte e l'olio,  cominciate ad impastare energicamente con le mani o con l'impastatrice , aggiungete il pecorino grattugiato  fino a che il composto risulterà morbido e non troppo asciutto.
Una volta ottenuto un impasto omogeneo, formate con il palmo della mano delle palline (grandi come un'albicocca) e le adagiate in una teglia rivestita da carta da forno, leggermente distanziate.
Infornate i panini in forno  a 180°C per circa 25-30 minuti, fino a che non saranno dorati in superficie.
Spennellarli  di olio di oliva e lasciarli raffreddare.
Gustarli come antipasto , magari farciti o semplici , o come merenda nutriente .
Sono molto buoni!

l'impasto

il panetto finale 

le palline crude 
i panini cotti 












oppure la
Ricetta brasiliana :
Ingredienti per 35-40 pão de queijo:

110 gr di olio di semi
250 gr di latte
250 gr di formaggio parmigiano grattugiato
500 gr di polvilho doce (farina di manioca molto fine)
3 uova medie
1 cucchiaino di sale

Accendere il forno a 180°.
In una pentola portare a bollore il latte, il sale e l’olio.
In un contenitore pesare la farina, creare una fontana e versare il latte caldo mescolando con un cucchiaio. Aggiungere gradatamente le uova e il parmigiano. Impastare bene fino a formare un panetto liscio ed omogeneo. Dividere l’impasto in tante palline della grandezza di una noce e sistemarle in una teglia rivestita di carta forno.
Infornare e lasciare cuocere finchè non diventano dorati.
Servire freddi farciti con mortadella, salame o prosciutto, o semplicemente da soli

sabato 29 ottobre 2016

Monologo - OMBRE -


Niente di più adatto che il giorno dei morti per un monologo triste come questo , autobiografia di una vita di patimenti , indifferenza,  violenza di ogni genere ed omertà , tenere al caldo come farebbe  un panno di lana  tutto il rancore , l'amarezza , e l'odio verso l'essere umano .
Si perché bisogna essere preparati se improvvisamente l'ombra del passato ritorna, ti tormenta , cerca la purezza per pulirsi l'anima ,per dimostrare che è tutto falso , che sono bugie , cerca un compromesso , dopo averti risucchiato l'anima  , un ricatto sempre in agguato , la minaccia nell'ombra , ma tu la vedi , è come un lupo affamato con una maschera di carnevale davanti .
Un grosso cane che mi insegue e mi vuole azzannare , così comincia la mia storia , un sogno ricorrente che ha accompagnato metà della mia infanzia e oltre  i 20 anni  , la verità sta proprio lì , in quella parte del mio inconscio che sa tutto e vede tutto ed è comandato dai nostri occhi ...
Una bimba allegra ,vivace e un po' ribelle che si arrampica sui tavoli , che gli piace giocare , cantare , travestirsi con i vestiti di mamma , ma che nessuno vuole , concepita per dispetto ,con pretesa , ubriachezza  , e per ripulire il peccato , per ricominciare da capo .
Una canzone ricorrente: " se mi gira la ciribiricoccola ...",  ogni giorno, girando e ballando , una bella distrazione che   aiutava a capire il perché, una mattina  mi svegliai con le urla in cucina , e piangendo vidi ...e urlai no , e con tutto il fiato la salvai , ma mai mi ringraziò ..
Un'ombra che portò distruzione , insegnò solo il male il quale generò morte .
Un disegno ripetitivo , un albero senza foglie , praticamente secco , che ramificava all'infinito un ramo dopo l'altro.
Quando , e se  si riesce finalmente  a vedere tutto nitidamente e  si prova a dimenticare ...ci si accorge che ricomincia tutto da capo .
Una risposta semplice e chiara all'ombra della  violenza :
"una spirale che ti fa da labirinto per tutta la vita ."
Non si possono spiegare tante cose ma due righe si possono conservare e ....
Come diceva  mia madre e che mi ripeteva spesso : "se non sai cosa fare ...scrivi ..."

lunedì 24 ottobre 2016

marron glacè fatti in casa


questa ricetta è semplice da fare ma servono dei bei marroni per farla ... :)))

ingredienti per un vasetto piccolo:

200 gr (circa 5) di marroni grandi ( altrimenti non sono marroni perchè ce n'è uno per ogni riccio)
200 gr di zucchero 
120 ml di acqua 
una fialetta di aroma vaniglia ( quelle piccole della paneangeli)


preparazione :

pelare le castagne senza togliere la pellicola interna di pellicina marrone , sbollentarle in abbonante acqua per 15-20 minuti , spegnere ,scolare e togliere la pellicina marrone il più delicatamente possibile per non rompere troppo i marroni :)) (tanto si rompono un po' per forza ) .

ora prepariamo lo sciroppo ( un po' sciroppo e un po' caramello): 
in un pentolino antiaderente mettiamo lo zucchero , l'aroma vaniglia , l'acqua , portiamo a ebollizione ma a fiamma bassa e lasciamo bollire fino a scioglimento totale dello zucchero ,senza mescolare (circa 5 minuti o poco più ), ora incorporiamo i marroni puliti allo sciroppo ,e lasciamo bollire ancora per 1-2 minuti , ora li togliamo  dal fuoco e li copriamo con un coperchio,  li lasciamo li per 24 ore .
il giorno seguente li rimettiamo sul fuoco e li portiamo nuovamente  a sobbollire per un'altro minuto o 2 , li lasciamo completamente  raffreddare e li mettiamo  in un vasetto completamente coperti dal loro sciroppo  ( si conservano per qualche mese in frigo  ), oppure si possono consumare subito( o entro 10 giorni ) in una torta , in tal caso si scolano bene , si lasciano asciugare per qualche ora dal loro sciroppo e si gustano nel modo che si preferisce ...

ho voluto provare a farli in casa perchè quelli che si comprano fuori sembra zucchero in forma di castagna , di gusto di castagna c'è appena l'ombra ... invece oggi li ho assaggiati fatti in casa e devo dire che sono ottimi , dolcissimi, ma la castagna si gusta davvero !


altre ricette con le castagne : marmellata di marroni , pasticcini  , plum-cake di marroni , crostata autunnale  , biscotti,  mont blanc , castagne bollite ecc....ecc...



martedì 18 ottobre 2016

panini di maiale ( o cordon bleu )


con 12 fette di lonza di maiale e 100 gr circa di pancetta , 2 uova , pangrattato , qualche pizzico di sale , un po' di farina , olio di oliva per friggere si possono fare questi golosi panini di maiale ... basta accoppiare le fette con in ognuna nel mezzo 2 fette di pancetta, impanare il panino nella farina poi nell'uovo sbattuto con una frusta e poi nel pangrattato , friggere tutti i cordon bleu in padella con un po' d'olio di oliva ....
semplici e veloci da preparare .... :p :p :p :p

oppure cordon bleu di vitello , involtini di pollo e salame crudo  , cannoli di lonza  , rolata veloce di tacchino in padella , lonza alla salsa di porri , involtini di finferli e scamorza , lonza al miele , lonza in rosso , frittoast e molte altre ricette sempre nel mio blog ...

domenica 16 ottobre 2016

pippo si è mangiato le mele e l'uvetta - il panettone un po' strudel


60 gr. burro  a pezzetti .
350 farina manitoba  c.ca
 lievito di birra  secco 1 bustina 
125ml latte a temperatura ambiente 
1 scorza gratt. di  1 limone
1 uovo+1tuorlo +1tuorlo per spennellare la superficie 
1 busta vanillina 
80 gr. zucchero 
zucchero  a velo q.b.
cannella q.b. 
uva passa , una manciata 
poco liquore marsala per ammollare l'uva passa 

preparazione :

mettere in una terrina capiente la farina mescolata allo zucchero , la vanillina , il lievito , aggiungere il latte , le uova , la scorza del limone , impastare , aggiungendo poco per volta e a pezzetti il burro , impastare fina a una giusta morbidezza e elasticità dell'impasto , poi raccoglierlo a palla e coperto da una pellicola trasparente metterlo a lievitare a 30 ° per circa 2 -3 ore fino al raddoppio del volume . 
adesso procedere come spiegato sotto da * a *

per la ricetta dell'impasto vedere il post dei croissant perchè è quasi lo stesso , il procedimento cambia solo dopo la prima lievitazione e la stesura dell'impasto .
*stendere l'impasto a mezzo cm di spessore circa , niente spennellamento di burro sopra all'impasto , poi   riempire  con uvetta ammollata nel marsala e poi strizzata ( o altro liquore a piacere ), 2 mele tagliate a cubetti , cannella ,arrotolare l'impasto su se stesso in modo da formare un salamone farcito , metterlo in una teglia  da lasagna foderata di carta forno  (lunga 24 e larga 17  circa) ,  ripiegare  le astremità dell'impasto sotto al salamone , spennelare la superficie di rosso d'uovo , lasciarlo lievitare fino al raddoppio del volume a 30° ( circa 1,5 - 2 ore ) .
ora infornare a 180° per 1 ora ( dopo 15-20 minuti coprire la superficie con un foglio di alluminio in modo da proseguire la cottura senza che bruci ) *

semplice , buonissimo , morbidissimo ... tutto issimo! abbastanza veloce e di facile riuscita ... e pure carino , sembra pippo l'ippopotamo ( quello dei pannolini dei bambini ,di tanti anni fa in pubblicità )

oppure vedere il post del panettone classico nella giusta forma , ma più laborioso ! oppure altri tipi di strudel
tutti i brioche e panettoni si conservano tranquillamente una settimana , basta chiuderli in sacchetti chiusi da un laccetto in modo che non passa aria e si mantiene sempre la stessa fragranza ...per quelli farciti di frutta basta riporli in frigo ma sempre chiusi nel sacchetto e si mantengono sempre per circa 1 settimana senza problemi ...








sabato 8 ottobre 2016

Grigliata mista

Non avevo mai provato il coniglio grigliato,  e devo dire che è buonissimo come le altre carni .
però la parte più adatta sono le zampe davanti che sono piccole e cuociono in fretta  , e poi abbinato al maiale (salsiccia e lonza ) sta benissimo ed è economico .
Per fare questo piatto basta avere una padella bistecchiera , cospargerla di sale fino e cuocere a lungo il coniglio ;
poi ,successivamente ,la salsiccia , e per ultimo la lonza che invece cuoce subito .
una volta cotte le carni, servirle con un filo d'olio d'oliva o extravergine ... Semplice e buono . Come contorno naturalmente delle verdure a piacere.

venerdì 7 ottobre 2016

Asta di acciaio nel carrello di servizio

L'asta d'acciaio che di solito serve come appendi utensili in cucina , ora l'ho messa come asta per il carrello di servizio che rifinisce il carrello che ne era sprovvisto. L'ho fatto diventare un signor carrello come quelli seri da cucina , molto più utile per portare in tavola anche i vari utensili che possono servire al momento del servizio  in modo da trattarci da vere lorde! :)))

martedì 4 ottobre 2016

sofficini radicchio mozzarella fontina e prosciutto cotto

per l'impasto base  della pasta vedere post o post

ripieno per 6 sofficini grandi e sottili:

oggi li ho farciti con 6 fette di prosciutto cotto  , una mozzarella , 150 gr di fontina d'aosta ,e un cuore di radicchio trevigiano ... ottimi !!

domenica 2 ottobre 2016

crostata farcita autunnale di manu



Ingredienti per la pasta :

150 gr di farina di castagne
170 gr di farina “00”
150 gr di zucchero semolato
2 uova
1 cucchiaino di lievito istantaneo per dolci
1 bustina di vanillina
mezza fialetta di aroma mandorla
80 ml di olio di semi

ingredienti per la farcitura :

100 gr di ricotta
1 manciata di nocciole
1 manciata di mandorle
1 manciata di farina di cocco
3 manciate di riso soffiato
2 cucchiai di miele
1 cucchiaio di zucchero di canna
5 amaretti secchi sbriciolati finemente

per decorare :

noce di burro per la tortiera e un cucchiaio di farina bianca
15 gr di pinoli
2 cucchiai di zucchero di canna

preparazione :

mescolare insieme la farina di castagne con la farina bianca , aggiungere il lievito , la vanillina , lo zucchero , miscelare bene , aggiungere le uova , l'olio di semi , l'aroma mandorla , impastare come per tutte le paste frolle e formare una palla morbida e soda .

Imburrare e infarinare una tortiera da 26 cm di diametro circa .
Stendere la pasta divisa a metà con il mattarello ,formando due cerchi ,uno più grande per la base e uno poco più piccolo per ricoprire la superficie .
Sistemare il cerchio di pasta più grande nella pirofila imburrata e infarinata con un bordo di circa 3 cm .
Prendere tutti gli ingredienti della farcitura , tritare tutta la frutta secca e il riso soffiato nel tritatutto in modo da renderla fine ma leggermente granulosa , aggiungere la ricotta , il miele, lo zucchero di canna , gli amaretti , il cocco , mescolare bene , stendere il ripieno , livellandolo sull'impasto steso nella pirofila , ricoprire con l'altro cerchio di impasto più piccolo, ripiegare i bordi in modo da chiudere la farcitura nella torta , cospargere la superficie di pinoli e di 2 cucchiai di zucchero di canna .
Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 30-35 minuti , lasciare raffreddare e servire la torta autunnale buonissima !! :p :p :p





sabato 1 ottobre 2016

grembiuli da cucina - presine - guanti - tovagliette americane


da un copriletto trapuntato che non uso più ho ricavato cose utili per la cucina.
 ho tagliato e misurato da cose che avevo tutte le sagome che mi servivano e poi con pazienza ho messo una fettuccia blu e bianca comprata ( circa 20 metri ) imbastendola su tutti i bordi delle sagome per poi cucirla definitivamente con la macchina da cucire , per i guanti naturalmente ho unito prima il guanto poi l'ho rovesciato dal giusto e poi  cucito la fettuccia nel bordo ed infine il laccetto per appenderlo , certo, il trapuntino non è così spesso però se malgrado tutto bruciano le mani usandoli , si possono sempre rinforzare con uno strato in più .
i grembiuli naturalmente sono per l'inverno, ma in passato ho fatto anche grembiuli estivi che ho ancora adesso con della stoffa comprata al mercato  ( foto sotto) ...
e quando non mi sento creativa li compro fatti ...:)))
altri modi per fare presine e guanti da forno quì  e poi molto altro sempre nel blog ...